Segui @emergenzavvf

Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco - Dipartimento dei Vigili del Fuoco del soccorso pubblico e della difesa civile

Sei in: Home > Notiziario > Notizia

pubblicato il 25 aprile 2014  

Udine, esercitazione per emergenza sismica SERMex a Venzone

Allegati

...

Dal 28 aprile all'8 maggio a Venzone, frazione Portis Vecchio, i Vigili del fuoco, l'Università di Udine e le amministrazioni locali saranno impegnati in un'esercitazione finalizzata a testare sul campo nuove procedure di gestione di una emergenza sismica.

Verrà simulata la risposta del sistema di soccorso ad un terremoto di intensità VIII. Le attività esercitative si svolgeranno in due fasi: nella prima, dal 28 al 30 aprile, verranno effettuate ricognizioni e valutazioni degli scenari sia con il supporto aereo sia con l'utilizzo di tecnologie di topografia applicata al soccorso (TAS); nella seconda, dal 5 all'8 maggio, verranno eseguite opere provvisionali di messa in sicurezza.

L'8 maggio, a conclusione dell'esercitazione, si terrà un seminario nella sala consiliare di Venzone in cui saranno presentati i primi risultati dell'esercitazione e sarà l'occasione per fare il punto sull'evoluzione delle modalità di risposta ad eventi sismici e sulle tecniche di intervento per la messa in sicurezza utilizzate a partire dal terremoto del Friuli del 1976.

L'iniziativa è l'ultimo passo della collaborazione tra i Vigili del Fuoco è l'Università degli studi di Udine, avviata in occasione del terremoto in Abruzzo dell'aprile 2009 e proseguita durante i terremoti in Emilia del 2012 e in Garfagnana-Lunigiana del 2013.

Sono state messe a punto nuove strategie e tecniche d'intervento che coniugano capacità operativa e esperienza pratica sul campo con logiche di gestione basate su metodologie scientifiche, fino all'introduzione di un nuovo sistema organizzativo denominato STCS (sistema di trattamento delle criticità strutturali - Short Term Countermeasures System) che comprende nuclei per la rapida individuazione e la classificazione delle criticità, la pianificazione degli interventi secondo logiche di priorità e la realizzazione delle opere provvisionali secondo standard predefiniti, codificati in un manuale operativo.

Il nuovo strumento, che ha visto un'applicazione sperimentale nel 2013 per il terremoto in Garfagnana e Lunigiana, vedrà il suo battesimo ufficiale proprio in occasione dell'esercitazione SERMex.

  

     

Copyright 2009 Dipartimento dei Vigili del Fuoco -