Segui @emergenzavvf

Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco - Dipartimento dei Vigili del Fuoco del soccorso pubblico e della difesa civile

Sei in: Home > Notiziario > Notizia

pubblicato il 3 luglio 2020  

Il Giuramento degli Allievi Vigili del fuoco dell'87° Corso. La cerimonia in video conferenza

...

Gli allievi Vigili del fuoco dell’87° corso hanno giurato fedeltà alla Repubblica italiana alle 10 di oggi alla presenza del ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese. Una cerimonia particolare, nel rispetto delle misure per il contrasto al virus SARS-CoV 2, con i diversi gruppi di allievi dislocati nei poli didattici sul territorio che giureranno all’unisono in collegamento streaming.

Non il tradizionale momento vissuto nel piazzale delle Scuole Centrali Antincendio a Capannelle ma l’emozione è stata comunque assicurata per i 465 allievi e i loro familiari, che hanno avuto modo di seguire la diretta sul sito istituzionale vigilfuoco.it.

Nel suo saluto, il ministro Luciana Lamorgese ha sottolineato come "il Corpo Nazionale non solo è parte integrante della storia italiana, ma ne è un’eccellenza. I Vigili del fuoco - ha continuato il ministro - sono un punto di riferimento saldo per la popolazione e lo hanno dimostrato nell’emergenza sanitaria dove il lavoro delle squadre, oltre all’attività ordinaria, è andato a sostegno delle strutture ospedaliere, degli enti locali, dei singoli.
Siate fieri di questa appartenenza" – ha concluso il ministro Lamorgese rivolta ai ragazzi – e del cammino che state per cominciare”.

l Capo Dipartimento, Salvatore Mulas, nel suo discorso ricco di spunti di riflessione, ha evidenziato che il lavoro del Vigile del fuoco è un compito in cui servono coraggio e determinazione, ma anche tanta umanità. La stella polare che deve guidare ogni appartenente al Corpo, ha concluso Mulas, deve essere la popolazione e il servizio che i Vigili del fuoco le rendono ogni giorno.

Il capo del Corpo Nazionale, Fabio Dattilo, nel suo saluto agli allievi ha ricordato che ciò fa grande i Vigili del fuoco sono le donne e gli uomini che ne fanno parte e che, ancora una volta, ne hanno dato prova durante la pandemia. I vigili del fuoco ci sono stati, ci sono e ci saranno sempre.

Nei nove mesi di formazione teorico-pratica, gli allievi hanno appreso le conoscenze e le tecniche per poter operare a servizio del cittadino: sicurezza sui luoghi di lavoro, attività di polizia giudiziaria, tecniche di soccorso specifiche come quelle speleo-alpino-fluviali (SAF), di primo soccorso sanitario (TPSS), di auto-protezione in ambiente acquatico (ATP) e di intervento in caso di incidente nucleare, batteriologico, chimico e radiologico (NBCR).

Al termine, il Direttore centrale per la formazione, Gaetano Vallefuoco, ha letto la formula del giuramento a cui hanno risposto, da tutta Italia, i 465 allievi.

  

     

Copyright 2009 Dipartimento dei Vigili del Fuoco -