Segui @emergenzavvf

Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco - Dipartimento dei Vigili del Fuoco del soccorso pubblico e della difesa civile

Sei in: Home > Notiziario > Notizia

pubblicato il 11 novembre 2021  

Esercitazione nazionale dei Vigili del fuoco: simulato un terremoto a Cerzeto

...

Il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco ha organizzato, sotto il coordinamento della Direzione Centrale Emergenza, un ciclo di esercitazioni nazionali di mobilitazione per posti di comando che stanno coinvolgendo tutte le strutture territoriali del Corpo con un programma articolato in 6 settimane che vede impegnate tre Direzioni regionali per volta. Nel periodo dall’8 al 12 novembre è prevista la quarta settimana di prove, le regioni interessate sono la Calabria, il Veneto e il Friuli Venezia Giulia.
In particolare, nelle giornate del 10 e dell’11 novembre, è prevista la simulazione di uno scenario sismico con epicentro a Cerzeto, in provincia di Cosenza, nella quale, oltre alle risorse operative della Direzione Calabria che coordinerà tutte le attività in campo in accordo con la Direzione Centrale Emergenza, saranno impiegate anche risorse mobilitate dalle Direzioni Toscana, Sicilia, Campania, Lazio, Lombardia e Piemonte per lo svolgimento di attività di valutazione e vi sarà l’intervento degli USAR (Urban Search and Rescue) con l’applicazione di nuove metodiche operative per l’acquisizione e lo scambio di dati sullo scenario, in modo da indirizzare più tempestivamente le squadre di soccorso e salvataggio.
Tali nuove procedure trovano applicazione:
- nelle nuove direttive sui sistemi di gestione operativa USAR emanate dalla Direzione Centrale Emergenza, in coerenza con le linee guida internazionali dell’INSARAG (organizzazione dell’OCHA il cui acronimo sta per “INTERNATIONAL SEARCH AND RESCUE ADVISORY GROUP”) che si occupa, appunto di attività di valutazione, coordinamento e ricerca e soccorso in occasioni di disastri;
- nelle direttive operative del Direzione Centrale Emergenza in materia di Quicktriage, vale a dire di valutazione immediata dei danni subiti dagli edifici a seguito di sisma in modo da individuare con celerità i crolli, le zone rosse e condividere i dati con il Dipartimento di Protezione Civile al fine della caratterizzazione delle priorità dei sopralluoghi tecnici finalizzati alla valutazione dei danni mediante le schede AEDES, anche in coerenza con le indicazioni operative dello stesso Dipartimento di Protezione Civile;
- nell’applicazione di un nuovo sistema informatizzato di gestione e condivisione dei dati delle operazioni USAR nei siti colpiti da calamità, denominato “Prometheus”, realizzato nell’ambito dell’omonimo progetto europeo di cui è leader il Corpo nazionale e al quale partecipano i vigili del fuoco spagnoli di ERICAM, (Emergenza e risposta immediata della Comunità di Madrid), i francesi della EcASC (École d'Application de Sécurité Civile) nonché il Dipartimento della Protezione Civile;
- nell’applicazione della pianificazione discendente nazionale dei vigili del fuoco, denominata “bottone rosso”, che prevede la mobilitazione immediata delle risorse di colonna mobile individuate secondo un programma che ne riconosce la prontezza operative, sulla base delle valutazioni previsionali di danno simulate da programmi concessi in uso al CNVF da INGV a seguito di apposito accordo.

Per la simulazione dell’evento sismico la scelta è ricaduta su Cerzeto perché nel suo territorio si trova il borgo abbandonato di Cavallerizzo, distrutto da una frana nel marzo 2005 e che il comune stesso ha messo a disposizione della Direzione Calabria per attività dei Vigili del fuoco sulla base di un apposito protocollo di intesa. Qui verranno applicate le procedure di mobilitazione con riferimento alla costituzione dell’organizzazione dei Vigili del fuoco in caso di calamità, replicandone le funzioni nell’ambito del centro polifunzionale del comune, nel quale saranno allestite postazioni operative che assicureranno il coordinamento delle attività con le squadre inviate sul territorio.
Oltre al comune di Cerzeto, saranno interessate dalle attività di ricognizione delle squadre di valutazione dei Vigili del fuoco inviate per esercitazione, anche i comuni limitrofi di San Martino di Finita e Mongrassano, in accordo con i sindaci locali, e un’altra frazione di Cerzeto, denominata San Giacomo. Complessivamente alle attività parteciperanno circa 150 unità VF e unità della Croce Rossa Italiana (sulla base del protocollo vigente) e di associazioni locali di volontariato.
Altresì, per le attività del progetto Prometheus è prevista la partecipazione di un rappresentante del Dipartimento di Protezione Civile che assisterà alle operazioni anche per lo scambio dati nell’ambito del Quicktriage. Il termine delle attività è previsto alle ore 13 di oggi.

A seguire ci sarà la conferenza stampa di chiusura lavori alla quale parteciperanno il Capo Dipartimento Lega e il Capo del Corpo Parisi e il Direttore Regionale Lucia, quando saranno illustrati i risultati raggiunti e le metodologie adottate durante l'esercitazione.

Sarà possibile seguire la diretta della conferenza stampa a partire dalle ore 15 circa al link https://www.vigilfuoco.tv/diretta-riservata

  

     

Copyright 2009 Dipartimento dei Vigili del Fuoco -