Segui @emergenzavvf

Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco - Dipartimento dei Vigili del Fuoco del soccorso pubblico e della difesa civile

Sei in: Home > Informazioni sulla sicurezza > Pericoli Naturali > Terremoto > Scala Richter

La Scala Richter


La Magnitudo del terremoto

La Magnitudo misura la forza di un terremoto attraverso le registrazioni (sismogrammi) degli strumenti ed è stata definita nel 1935 dal famoso sismologo C.F. Richter come misura oggettiva della quantità di energia elastica emessa durante il terremoto.

Esprime la grandezza di un terremoto attraverso la misura dell'ampiezza massima della traccia registrata dal sismografo.

La magnitudo è un parametro indipendente dagli effetti che il terremoto provoca sull'uomo e sulle costruzioni; essa permette di confrontare tra loro eventi sismici avvenuti nelle diverse parti del mondo ed in tempi differenti.

I terremoti più piccoli percettibili dall'uomo hanno una magnitudo intorno a 2,5, mentre quelli che possono provocare danni alle abitazioni e vittime hanno generalmente una magnitudo superiore a 5,5.

Il Sismografo

Come si fa a misurare le onde sismiche di superficie con uno strumento che appoggia sulla terra, se poi tutta la superficie stessa si muove? Per superare questo problema si usa il sismografo.

Disegno del sismografo

Un sismografo è uno strumento formato da un rotolo di carta e di un "pennino" che scrive sulla carta sul rotolo.

Il trucco è che il pennino è tenuto sospeso da una molla che fa mantenere al pennino la stessa posizione, mentre durante il terremoto il rotolo di carta andrà su e giù seguendo i movimenti del terreno.Disegno dei un Sismogramma

Il pennino sta più o meno nella stessa posizione perché la molla, a cui è attaccato, assorbe i movimenti del terreno e non li trasmette a questo.

La Scala Richter

Con il termine "scala Richter" (da F.C. Richter, sismologo statunitense degli anni '30) si vuole intendere la magnitudo, che è una misura della forza di un terremoto, fatta attraverso i sismografi.

I valori di magnitudo non sono inseriti all'interno di una scala poiché teoricamente un terremoto può assumere qualsiasi valore di magnitudo. Quindi non è corretto parlare di "scala Richter".

I terremoti di cui è stata calcolata la magnitudo in questo secolo non hanno mai superato il valore 9.5 raggiunto nel 1960 in occasione del terremoto di Valdivia (Cile) a seguito del quale ci furono circa 3.000 morti e più di due milioni di sfollati.

Il terremoto di Messina del 1908 (in occasione del quale ci furono circa 90.000 vittime) ha avuto una magnitudo di 7.2, mentre il terremoto irpino del 1980 (3000 vittime) ha avuto una magnitudo 6.9.

La scala

  • 0 - Sisma molto lieve
  • 2,53 - Scossa avvertita solo nelle immediate vicinanze
  • 4 - 5 - Può causare danni localmente
  • 5 - L'energia sprigionata è pari a quella della bomba atomica lanciata su Hiroshima nel 1945
  • 6 - Sisma distruttivo in un'area ristretta 10 km di raggio
  • 7 - Sisma distruttivo in un'area di oltre 30 km di raggio
  • 7 - 8 - Grande terremoto distruttivo magnitudo del terremoto di S. Francisco del 1906
  • 8,4 - Vicino al massimo noto energia sprigionata dalle scosse 2 x 1025 ergs
  • 9,5 - Massimo valore di magnitudo noto, osservato tra il 1900 e il 2000.

Copyright 2009 Dipartimento dei Vigili del Fuoco -