Segui @emergenzavvf

Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco - Dipartimento dei Vigili del Fuoco del soccorso pubblico e della difesa civile

Sei in: Home > Multimedia > Curiosità > I musei dei Vigili del Fuoco > Museo della Valchiavenna

Museo del Corpo Civici Pompieri della Valchiavenna

Approfondimenti


Via Francesco Novi 2, Chiavenna (SO)

Attraverso i decenni di continua attività pompieristica, presso il distaccamento di Mese si è raccolto un cospicuo numero di cimeli, attrezzature e documenti relativi all'attività dei Vigili del Fuoco in Valchiavenna.

Il personale della sede ha quindi deciso di costituire una "galleria storica", che potesse dare organica esposizione alle interessanti testimonianze presenti dall'origine, integrate e accresciute da una paziente opera di raccolta e ricerca d'archivio.

Si è potuta così allestire una rassegna che ricostruisce l'attività del servizio antincendi locale, nato ufficialmente nel 1868 con la fondazione del Corpo dei Civici Pompieri di Chiavenna e sviluppatosi senza soluzione di continuità fino ai giorni nostri, arricchendosi di nuove competenze e materiali.

Dal 2013 hanno inaugurato la nuova galleria storica nel centro di Chiavenna.

Il museo raccoglie numeroso materiale antincendio e di soccorso, a partire dalle antiche pompe a mano del XVIII secolo per arrivare agli automezzi in servizio agli anni 70 del secolo scorso. Vera rarità e punto di forza della raccolta, è un'autopompa di produzione artigianale su telaio di un autocarro leggero Fiat Brevetti del 1908: il mezzo antincendio di origine più antica esistente in Italia.

Non mancano attrezzature risalenti alla scarsa dotazione dei pompieri chiavennaschi, come la pompa a mano Mera 3. Di sicuro impatto l'enorme autopompa aeroportuale Perlini, esposta all'eterno del museo. La raccolta consta di oltre 30 mezzi a motore, in buona parte ancora marcianti, e centinaia di attrezzi - semplici o tecnicamente complessi - che hanno accompagnato l'attività di soccorso dei pompieri (e dei vigili del fuoco) per quasi due secoli.

Una peculiarità del museo consiste nell'ambientazione dei mezzi più importanti in un contesto operativo, attraverso la loro collocazioni grandi scenari che riportano all'epoca in cui tali mezzi erano in servizio.

La parte propriamente espositiva è integrata da numeroso materiale documentario di origine locale, a cui è stata riservata un'apposita sala. Questi documenti storici sono affiancati da una importante collezione tematica di cartoline d'epoca, che documentano la realtà pompieristica italiana ed europea dalla metà del XIX secolo al 1970.

La Galleria Storica ospita infine un'imponente raccolta di modelli di automezzi antincendio, autocostruiti in scala 1:14 da un vigile del fuoco di Chiavenna.


Copyright 2009 Dipartimento dei Vigili del Fuoco -