Segui @emergenzavvf

Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco - Dipartimento dei Vigili del Fuoco del soccorso pubblico e della difesa civile

Sei in: Home > Emergenza e soccorso > Interventi passati > Maggiore entità > 2000 - Alluvione a Soverato

2000 - Alluvione a Soverato

Galleria multimediale


L'ondata assassina è arrivata poco prima delle 5. Ed ha sorpreso nel sonno tutto il campeggio, dove insieme ai soliti turisti c'erano tanti disabili organizzati in una specie di colonia. È stata una strage. Il fango ha travolto tutti e tutto, lasciando pochissime vie di scampo: i tetti dei bungalow in muratura ed i salici centenari. Chi non ha avuto la forza, la prontezza ed il coraggio di saltare sui muri e sugli alberi non ha trovato scampo, a meno di un miracolo.

Il teatro della tragedia è il camping Le Giare, alle porte dei Soverato, una trentina di chilometri da Catanzaro lungo la jonica.

In tanti si sono resi conto solamente il giorno prima che la piccola struttura turistica sorgeva troppo vicina all'alveo di un torrente. Dopo quarantotto ore di pioggia battente quel torrentello è diventato un fiume.

I detriti ed i resti degli innumerevoli incendi che si sono succeduti durante l'estate hanno fatto da tappo, ad una decina di chilometri a nord, nel comune di Petrizzi, poi le migliaia di metri cubi d'acqua accumulati nel vallone hanno avuto la meglio. La "diga" che s'era formata per l'incuria dell'uomo ha ceduto, e giù alla foce dell'ex torrentello è arrivata un'ondata di fango. L'acqua si è riappropriata del suo spazio originario.

Tempesta di fango. Nello spazio di qualche minuto il camping è stato cancellato. È cambiato lo stato dei luoghi, molti bungalow sono completamente ricoperti, le auto del parcheggio raggomitolate ed ammassate quasi tutte sulla sponda sinistra del torrente dando l'impressione di uno sfasciacarrozze. Un vasto e folto canneto è stato messo giù in pochi secondi. Il letto del torrente è aumentato di almeno venti volte. Erano circa trecento gli uomini impegnati nelle ricerche dei dispersi. I fuoristrada erano inutilizzabili. L'unico modo per tentare il salvataggio di qualcuno era ripercorrere le sponde scrutando con attenzione sulla superficie fangosa. L'altro sistema adottato è stato l'elicottero. Che però s'è potuto alzare fino alle 13. Dopo è ricominciata la pioggia abbondante. Soccorritori e volontari non si sono arresi, e sotto l'acqua hanno continuato il tentativo di salvare qualche altra vita.


Copyright 2009 Dipartimento dei Vigili del Fuoco -