Segui @emergenzavvf

Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco - Dipartimento dei Vigili del Fuoco del soccorso pubblico e della difesa civile

Sei in: Home > Prevenzione e sicurezza > Laboratori autorizzati > Modalità di presentazione dell'Istanza

Modalità di presentazione dell'Istanza


Per l'autorizzazione ai sensi del D.M. 26/03/1985 ad operare secondo o nell'ambito di un provvedimento del Ministero dell'Interno

pagina 1 di 2

L'istanza per sottoporsi ai controlli previsti dall'articolo 8 del decreto del Ministro dell'Interno del 26 marzo 1985 finalizzati al rilascio dell'autorizzazione dovrà essere inoltrata dal rappresentante legale di codesto laboratorio al Ministero dell'Interno - Dipartimento dei VV.F. del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile - Direzione Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica - Area Normazione Notifica e Controllo - Largo Santa Barbara n. 1 - 00178 Roma.
L'istanza suddetta, trasmessa con raccomandata A.R., deve essere formulata con apposito atto in carta legale secondo il modello allegato "Mod.IL".
Qualora l'istanza, comunque concernente un'unica materia per cui si richiede l'autorizzazione a certificare e/o eseguire prove, non sia riferita a tutti i prodotti e/o prove previsti dalla materia indicata e regolamentata del Ministero dell'Interno, deve essere dato il dettaglio di quelli di interesse alla voce "... con riferimento a ...".
L'istanza, altresì, deve essere timbrata e firmata in originale dall'avente titolo a richiedere l'autorizzazione stessa (rappresentante legale del laboratorio).
Inoltre, l'effettuazione dei predetti controlli, ai sensi dell'art. 6 della legge 26.7.1965, n. 966 e successive modifiche, è subordinata al pagamento di un importo che sarà definito a seguito della presentazione dell'istanza stessa e richiesto dall'Amministrazione prima del sopralluogo.
Un documento attestante l'avvenuto pagamento di un anticipo per esame tecnico istruttorio pari a Euro 1276,00 (milleduecentosettantasei/00), deve essere allegato alla domanda di cui sopra ed essere acquisito da parte della Direzione Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica se ai sensi della legge medesima è dovuto il pagamento della prestazione.

Il documento può essere costituito da:

  • Quietanza, mod. 123T, per pagamenti effettuati presso la Tesoreria Provinciale dello Stato - Sezione di Roma - Via dei Mille n. 52, nella cui causale dovrà essere riportata la seguente dicitura: "Deposito provvisorio per istruttoria pratica n. 3302/(Codice Fiscale dell'Ente)/(Sigla Prodotto)/(Anno) ( ) con vincolo a favore dell'Area Protezione Attiva - Largo Santa Barbara n. 1 - 00178 Roma, in applicazione della legge 26.07.65, n. 966";
  • attestato di versamento effettuato per pagamento tramite c/c postale n. 871012 intestato alla Tesoreria Provinciale dello Stato - Sezione di Roma - Via dei Mille n. 52, riportando come causale la medesima dicitura già menzionata.

Il suddetto importo anticipato sarà detratto da quanto verrà definito dall'Amministrazione a titolo di saldo e richiesto prima dell'effettuazione del sopralluogo.

se non si indica la parte numerica del codice, l'istanza si intende riferita a tutte le fattispecie contraddistinte dalle lettere costituenti il codice.


Copyright 2009 Dipartimento dei Vigili del Fuoco -