Comando Provinciale Vigili del FuocoComando Provinciale Vigili del Fuoco Parma


Sei in: Home > Servizi al cittadino - > Prevenzione Incendi







UFFICIO PREVENZIONE INCENDI

Responsabile: arch. Paolo CICIONE



Contatti

Telefono Ufficio: 0521.291111 - 0521.953211

e-mail: comando.parma@vigilfuoco.it
pec Ufficio Prevenzione Incendi: com.prev.parma@cert.vigilfuoco.it


Orari di ricevimento

Ufficio Prevenzione Incendi



Lunedì



10:00 – 12:00 apertura al pubblico



Martedì



09:00 - 11:00 apertura dedicata ai referenti SUAP di Langhirano, Parma e Unione Bassa Est Parmense



Giovedì



10:00 - 12:00 e 14:00 – 16:00 apertura al pubblico



Venerdì



09:00 - 11:00 apertura dedicata ai referenti SUAP di Traversetolo, Fidenza, Salsomaggiore, Borgotaro e Noceto




Contatti:

Comandante e Funzionari

Il Comandante e i funzionari ricevono previo appuntamento.

Il lunedì e il giovedì dalle ore 10:00 alle ore 12:00 è presente al Comando un funzionario per il ricevimento del pubblico secondo la pianificazione mensile scaricabile qui.



NOMINATIVO



TELEFONO
UFFICIO



POSTA
ELETTRONICA



ing. GIORDANO Vincenzo



0521.953210
segreteria comandante/URP


vincenzo.giordano@vigilfuoco.it


ing. VITULLO Annalicia



0521.953228


annalicia.vitullo@vigilfuoco.it




ing. PANNO Vincenzo


0521.953204


vincenzo.panno@vigilfuoco.it



arch. CICIONE Paolo



0521.953225


paolo.cicione@vigilfuoco.it


arch. FINUOLI Fabrizio


0521.953224


fabrizio.finuoli@vigilfuoco.it



p.i. PERRINO Fabio



0521.953208


fabio.perrino@vigilfuoco.it



Geom. GRAIANI Gabriele




0521.953257



gabrieleeugeni.graiani@vigilfuoco.it



p.i. GARDINI Giorgio


0521.953268



giorgio.gardini@vigilfuoco.it



p.i. CASALE Massimo




0521.953221



massimo.casale@vigilfuoco.it



DOCUMENTAZIONE SCARICABILE:
  1. Modulistica del sito del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco


  2. Richiesta accesso atti (Word) - Richiesta accesso atti (Pdf)


Servizio di Prevenzione Incendi


La sicurezza antincendio è tra i diritti fondamentali tutelati dalla Costituzione italiana con l'intento di garantire a tutti i cittadini un livello adeguato di protezione determinato univocamente dallo Stato per l'intero territorio nazionale. A tal fine il legislatore ha stabilito che le attività a maggior rischio d'incendio siano sottoposte ad un controllo pubblico affidato al Ministero dell'interno per il tramite del Corpo nazionale dei Vigili del fuoco.
I compiti assegnati dallo Stato al Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco in materia di prevenzione incendi sono sanciti dall'art. 1 del d.lgs. 139/06 che recita:"....il Ministero dell'Interno assicura, anche per la difesa civile, il servizio di soccorso pubblico e di prevenzione ed estinzione degli incendi su tutto il territorio nazionale….”. Il servizio di prevenzione incendi viene svolto secondo le disposizioni contenute nel Capo III del d.lgs. 139/2006 così come modificato dall’art. 3 del d.lgs. 97/17, nel d.P.R. 151/2011 e nel D.M. 7.8.2012. Oltre al soccorso, quindi, che riveste l'aspetto più visibile dell'attività dei Vigili del Fuoco, il Corpo Nazionale, attraverso il proprio personale, svolge anche attività di prevenzione incendi, che si esplica nella valutazione dei progetti e nel successivo sopralluogo di controllo per le attività riportate in allegato al
d.P.R.151/2011.


Modalità di presentazione delle istanze


Le
modalità di presentazione delle istanze di prevenzione incendi possono avvenire:
  • in formato digitale con invio telematico (da preferire);


  • in forma cartacea tramite posta ordinaria o consegna a mano.


E’ ormai prassi consolidata, in provincia di Parma, presentare la quasi totalità delle istanze di prevenzione incendi tramite gli Sportelli Unici, sia che si tratti di attività produttive che non produttive (non di competenza del SUAP). Non è possibile però escludere a priori che le istanze possano pervenire direttamente al Comando per posta elettronica, per posta ordinaria o con consegna a mano.

Si possono verificare i seguenti casi:
1. le istanze pervengono tramite SUAP;
2. le istanze vengono consegnate a mano presso l’Ufficio prevenzione incendi: il cittadino viene invitato a presentare la pratica allo Sportello Unico se di sua competenza, in caso contrario la pratica viene protocollata e assegnata ai funzionari per lo svolgimento;
3. le istanze pervengono direttamente al Comando per posta elettronica o con plico cartaceo spedito per posta ordinaria: se la pratica non è di competenza del SUAP viene protocollata in ingresso e assegnata ai funzionari per lo svolgimento; se la pratica è di competenza del SUAP l’istanza viene protocollata in ingresso e trasmessa entro e non oltre 5 giorni dalla ricezione allo Sportello Unico competente, dandone contestuale comunicazione al richiedente.

Ai
soli fini antincendio, le attività di categoria A, di competenza SUAP, ricadono nel procedimento automatizzato di cui al Capo III del d.P.R. 160/2010.

Per le restanti attività, sempre di competenza SUAP, si applica il procedimento ordinario di cui al Capo IV del d.P.R. 160/2010.


Modalità di pagamento


Ai sensi dell'art. 23 del d.lgs. 139/06 così come modificato dall’art. 3 del d.lgs. 97/17, il servizio di prevenzione incendi è espletato dal Comando subordinatamente all'avvenuto pagamento, da parte dell'utente, di un importo corrispondente al tipo di prestazione richiesta (valutazione progetto, esame istanza di deroga, sopralluoghi di controllo, verifiche in corso d’opera, nulla osta di fattibilità, rinnovo periodico di conformità antincendio), nel rispetto delle disposizioni contenute del d.P.R. 151/11, nel D.M. 7.8.2012 e nel D.M. 2.3.2012.

Il pagamento del servizio dovrà essere effettuato a mezzo di c/c postale n. 270439 intestato alla Tesoreria Provinciale dello Stato, Sezione di Parma, con la causale "Servizi di Prevenzione Incendi". In alternativa al bollettino di c/c postale, il pagamento potrà essere effettuato anche tramite bonifico bancario con le coordinate IBAN: IT10V0760112700000000270439.

L'importo del corrispettivo da versare, che è correlato al tipo di prestazione richiesta, nonché alla tipologia e complessità dell'attività soggetta a controllo, è desumibile dal sito del Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco al seguente link http://www.vigilfuoco.it/aspx/ServiziPI.aspx


Qualora l'attività comprenda più punti dell'Allegato I del d.P.R. 151/2011 e successive modifiche ed integrazioni, l'importo complessivo viene calcolato sommando gli importi relativi ai singoli punti costituenti l'attività.

Nel caso di istanza di deroga il costo della prestazione, si ottiene incrementando del 50% l'importo corrispondente alla richiesta della valutazione del progetto.


Consultazione stato della PRATICA


Cliccando su Consultazione stato della pratica sarà visualizzata la maschera di inserimento di Numero pratica e PIN che è possibile reperire sulla comunicazione di avvio del procedimento inviata al richiedente.


Rilascio atti di prevenzione incendi

 

I Cittadini, aventi diritto, possono richiedere l'accesso e la copia degli atti di Prevenzione Incendi in possesso del Comando, nel rispetto della normativa di accesso ai documenti amministrativi.

Per ottenere copia degli atti di prevenzione incendi è necessario presentare la richiesta al Comando (tel. 0521.291111 – 0521.953211 - posta elettronica certificata com.parma@cert.vigilfuoco.it o ordinaria comando.parma@vigilfuoco.it) utilizzando il relativo modello scaricabile all’inizio da questa pagina al link “richiesta accesso atti” e allegando:


  • copia di un documento di identità del richiedente;


  • in caso di delega ad altra persona: delega formale dell'interessato e copia del documento d'identità;


  • marche da bollo secondo la copia richiesta (€ 0,26 per il rilascio da 1 a 2 copie, € 0,52 da 2 a 4 copie e così via; € 16,00 per copia autentica);


  • per gli atti scannerizzati e trasmessi per posta elettronica non sono previsti costi di riproduzione;


  • eventuale documentazione che attesti l'interesse diretto, concreto e attuale che corrisponde ad una situazione  giuridicamente tutelata e collegata agli atti richiesti. Per comprovare eventuali stati, qualità, fatti personali è possibile ricorrere all'autocertificazione secondo la vigente normativa;


  • le copie rilasciate in carta semplice sono valide per tutti gli usi consentiti dalla legge.


Il Comando esamina le richieste e conclude l'istruttoria entro e non oltre 30 giorni dalla data di ricezione delle istanze, fermo restando il potere di differimento per l’acquisizione del parere di eventuali controinteressati (le motivazioni dei controinteressati devono essere formulate nel tempo massimo di 10 giorni, durante il quale il termine del procedimento di accesso agli atti viene temporaneamente interrotto).

Quando ai fini del completamento dell'istruttoria sono necessari ulteriori documenti, le integrazioni saranno richieste all'utente entro i primi dieci giorni dal ricevimento della domanda. La richiesta di integrazioni da parte del Comando sospende i termini del procedimento amministrativo fino al perfezionamento della pratica.

Casi
di esclusione

Non
è consentito l'accesso e la copia degli atti di prevenzione incendi quando:
  • sono in corso attività dell'Autorità giudiziaria legate a ipotesi di fatti penalmente perseguibili - in questi casi il cittadino dovrà rivolgersi direttamente alla Procura della Repubblica per l’acquisizione del relativo assenso;


  • in presenza di soggetti controinteressati che abbiano espresso opposizione secondo le procedure previste dalla vigente normativa.