Comando Provinciale Vigili del FuocoComando Provinciale Vigili del Fuoco Perugia


Sei in: Home > Servizi al cittadino - > Formazione D.Lgs. 81/2008 > Clasificazione luoghi di lavoro per rischio di incendio ( all. IX DM 10.3.98)





Clasificazione luoghi di lavoro per rischio di incendio ( all. IX DM 10.3.98)

A titolo esemplificativo e non esaustivo si riporta l’elenco delle attività correlate al livello di rischio indicato dall’Allegato IX del DM 10/03/98:


ATTIVITA' A RISCHIO DI INCENDIO ELEVATO
  • industrie e depositi di cui agli artt. 4 e 6 del DPR 175/88(1) e successive modifiche ed integrazioni
  • fabbriche e depositi di esplosivi
  • centrali termoelettriche
  • impianti di estrazione di oli minerali e gas combustibili
  • impianti e laboratori nucleari
  • depositi al chiuso di materiali combustibili aventi superficie superiore a 20000 mq
  • attività commerciali ed espositive con superficie aperta al pubblico superiore a 10000 mq
  • scali aeroportuali, infrastrutture ferroviarie e metropolitane
  • alberghi con oltre 200 posti letto
  • ospedali, case di cura e case di ricovero per anziani
  • scuole di ogni ordine e grado con oltre 1000 persone presenti
  • uffici con oltre 1000 dipendenti
  • cantieri temporanei o mobili in sotterraneo per la costruzione, manutenzione e riparazione di gallerie, caverne, pozzi ed opere simili di lunghezza superiore a 50 m
  • cantieri temporanei o mobili dove si impiegano esplosivi.


ATTIVITA' A RISCHIO DI INCENDIO MEDIO
  • luoghi di lavoro compresi nell'allegato al DM 16.2.82(2) e nelle tabelle A e B annesse al DPR 689/1959(2) con esclusione delle attività considerate a rischio elevato
  • cantieri temporanei e mobili dove si detengono ed impiegano sostanze infiammabili e si fa uso di fiamme libere, esclusi quelli interamente all'aperto.


ATTIVITA' A RISCHIO DI INCENDIO BASSO
  • Tutte le attività non classificabili a medio ed elevato rischio e dove, in generale, sono presenti sostanze scarsamente infiammabili, dove le condizioni di esercizio offrono scarsa possibilità di sviluppo focolai e dove non sussistono probabilità di propagazione di fiamme.

Nota:
(1) Il DPR 175/88 è stato abrogato ed è oggi sostituito dal D.Lgs n°105/2015
(2) Il DM 16/02/82 ed il DPR 689/1959 sono stati abrogati e sostituiti dal DPR 151/11