Comando Provinciale Vigili del FuocoComando Provinciale Vigili del Fuoco Prato


Sei in: Home > Servizi al cittadino - > Formazione D.Lgs. 81/2008



CORSI DI FORMAZIONE PER I LAVORATORI INCARICATI DI ATTUARE LE MISURE DI PREVENZIONE INCENDI, LOTTA ANTINCENDIO E GESTIONE DELLE EMERGENZE NEI LUOGHI  DI LAVORO – ART. 37  DEL D.LGS. 81/2008 E SS.MM.II

 

LA FORMAZIONE ANTINCENDIO

 

Il Decreto legislativo n°81 del 2008 e ss.mm.ii. , è il decreto che prescrive le misure finalizzate alla tutela della salute e alla sicurezza dei lavoratori negli ambienti di lavoro, pubblici o privati che siano, mediante l’attuazione di direttive comunitarie.

 Il rischio di incendio rappresenta certamente uno dei maggiori rischi per qualsiasi luogo di lavoro, ed una corretta attività di informazione e formazione dei lavoratori costituisce certamente il migliore presupposto per una efficace “Gestione della sicurezza”.

 Il Comando Vigili del Fuoco di Prato à particolarmente impegnato nello svolgimento di attività di formazione, basti pensare che tantissimi corsi si sono svolti negli anni recenti e altri numerosi si stanno svolgendo al momento.

 Numerosa è stata la partecipazione dei lavoratori nelle attività formative, con il rilascio di molti attestati di idoneità sia tramite accertamenti successivi a corsi interni alla nostra struttura, sia con accertamenti riguardanti corsi non VV.F.

LA MODULISTICA

        -  Richiesta accertamento

     -  Richiesta corsi di aggiornamento

       -   Richiesta corsi di formazione

 

 I CORSI DI FORMAZIONE

      Rischio basso

     - Rischio medio

     - Rischio elevato

Clicca sul corso di tuo interesse per visualizzare il programma

 

  I CORSI DI AGGIORNAMENTO

       Rischio basso

     - Rischio medio

     - Rischio elevato

 

 

Al termine della fase di formazione il Comando Provinciale VV.F. Prato rilascerà un attestato di partecipazione al corso in carta da bollo (a carico dell’utente ) che può essere del tipo singolo o comune di tutti i discenti.

 

 

LE TARIFFE FORMAZIONE

  Rischio basso

  - Rischio medio

  - Rischio elevato

    

LE TARIFFE AGGIORNAMENTO

   - Rischio basso

  - Rischio medio

  - Rischio elevato

 

Clicca sul corso di tuo interesse per visualizzare le tariffe

 

   

 

 

L’ACCERTAMENTO

 

Accertamento dell’idoneità tecnica per il personale incaricato a svolgere, nei luoghi di lavoro, mansioni di addetto alla prevenzione incendi, lotta antincendio e gestione delle emergenze.

 

L’art. 6 del D.M. 10. 03. 1998 prevede che i lavoratori dei luoghi di lavoro indicati nell’allegato X, incaricati dell’attuazione delle misure di prevenzione incendi, lotta antincendio e gestione delle emergenze, devono conseguire necessariamente l’attestato di idoneità tecnica che, ai sensi dell’art.  3 della Legge 28.11.1996, n. 609, può essere rilasciato esclusivamente dai Comandi Provinciali dei Vigili del Fuoco, a seguito di un accertamento dell’idoneità tecnica dei singoli lavoratori interessati.

La direzione Generale della protezione civile e dei servizi antincendio del Ministero Dell’Interno che ha precisato (con lettera prot. 5301/6104 del 21.12.1998.), ai fini di una uniformità di comportamento sull’intero territorio nazionale, le modalità con cui deve essere effettuata l’attività di accertamento di idoneità tecnica.

 

·  Prima fase 

       La prima fase dell’accertamento prevede la compilazione da parte del candidato di un questionario propedeutico, del tipo vero/falso ed a risposta multipla, con le seguenti regole:

 

♦Il numero dei quesiti da sottoporre ai candidati saranno pari a  30 ( 20 di tipo vero/falso e 10 a risposta multipla ) ;

♦Il tempo disponibile per la compilazione del questionario sarà di  30 minuti :

♦Le prove si considereranno superate se viene raggiunto un punteggio non inferiore a 26/30.

♦ I candidati che conseguiranno un punteggio  fra 16/30 e 25/30 (compresi) saranno richiamati per una prova orale . (La prova orale  verterà sugli argomenti che il candidato, nella prova scritta, ha dimostrato una non completa conoscenza).

♦I candidati che conseguiranno un punteggio inferiore a 16/30 saranno respinti.

 I candidati che avranno superato la prova scritta/orale saranno ammessi all’accertamento pratico.

 

·  Seconda fase  

       Tutti i candidati dovranno obbligatoriamente sostenere una prova pratica di spegnimento, utilizzando estintori portatili, o anche altre prove, che la commissione esaminatrice potrà richiedere, di volta in volta, a sua discrezione ( esempio: uso di naspi o idranti; conoscenza della maschera a filtro; etc.)

 

      Al termine delle prove di accertamento tecnico, la Commissione esprimerà un giudizio complessivo su ciascun candidato ( idoneo o non idoneo ) , che terrà conto delle capacità e della tecnica di intervento dimostrata dal candidato durante le tre fasi dell’ accertamento.

       Da quanto detto in precedenza, si evidenzia la fondamentale importanza di rispondere nel modo migliore al questionario, sia per il giudizio attribuito al questionario medesimo, sia perché il successivo colloquio orale verterà principalmente sugli errori commessi nel questionario. 

      Pertanto, l’elenco seguente di domande potrà costituire un ottimo test, sia per verificare preventivamente il grado di preparazione raggiunto nella materia, sia perché le domande di esame saranno costituite proprio da 30 di quei quesiti.

L’elenco delle domande è costituito da :

 

                                                 ¨   550 quesiti del tipo “vero o falso”

                                                 ¨   60 quesiti del tipo “a risposta multipla

 

Clicca per scaricare i test d’esame.

 

Al termine il Comando Prov.le VV.F. Prato rilascerà, a tutti coloro che avranno superato le prove di accertamento, l’attestato di addetto antincendio obbligatoriamente in bollo (a carico dell’utente )