Segui @emergenzavvf

Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco - Dipartimento dei Vigili del Fuoco del soccorso pubblico e della difesa civile

Sei in: Home > Notiziario > Notizia

pubblicato il 26 maggio 2011  

Venezia: pubblicati gli atti del 2° convegno internazionale sull'interoperabilità nel soccorso

Si è svolto a Venezia il 19 maggio 2011, presso la Scuola Grande di San Rocco, il 2° convegno internazionale sull'interoperabilità nel soccorso, organizzato dal Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del soccorso pubblico e della difesa civile insieme al Comune di Venezia, la Provincia di Venezia e la Regione Veneto.

All'apertura dell'evento hanno partecipato il Sindaco di Venezia, Giorgio Orsoni, il Prefetto di Venezia, Luciana Lamorgese ed il Capo del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, Alfio Pini. Il primo degli interventi, inoltre, è stato svolto da Marco Malacarne, Acting Director per la Direzione "Space, Security and GMES" della Commissione Europea, DG ENTR.

Nella prima sessione sono intervenuti Francesco Gaetani, del World Meteorological Organization, Roberto Schiliro, della Commissione Europea, DG ECHO, Roberto Tonellato, Regione Veneto, Protezione Civile, Emanuele Pepe, dell'Agenzia Regionale per la Prevenzione e protezione Ambientale del Veneto, Giuseppe Canali, della Provincia di Venezia, Maurizio Calligaro, del Comune di Venezia e Luigi Rebuffi, della European Organisation for Security. Altri interventi della mattina sono stati tenuti da Emilio Occhiuzzi, Stefano Marsella e Paolo Muneretto, del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco e da Uberto Delprato, della soc. IES.

Nel pomeriggio, dopo l'intervento di Daniele Stival, Assessore Regione Veneto, sono state presentate le relazioni da parte di Ignacio Montiel-Sanchez, (Commissione Europea, DG ENTR) , di Andreas Küster, (Fraunhofer Institut), di Garik Markarian (Rinicom Ltd), di Gideon Hazzani (Verint Systems) e di Philippe Clément (Sagem Défense Sécurite). l Capo del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, Alfio Pini ha chiuso i lavori.

Il convegno ha analizzato le esigenze di scambio dei dati degli organi che operano nel soccorso e nella protezione civile ed ha esposto alcune delle soluzioni tecnologiche possibili. Molti degli interventi, in particolare, hanno riguardato il processo di scambio immediato e di gestione dei dati legati alla gestione del soccorso e dell'emergenza.

Una delle applicazioni più interessanti presentate nel convegno è quella chiamata "115-4-deaf", cioè 115 per i sordi. Si tratta di un'applicazione di proprietà dei Vigili del Fuoco, sviluppata con fondi europei insieme alla sezione veneta dell'Associazione Nazionale Sordomuti (ENS). Questa applicazione permette alle persone che si registrano al servizio di inviare una chiamata di soccorso alla sala operativa dei Vigili del fuoco (il cui numero per le chiamate di emergenza è 115) attraverso un collegamento internet fisso o mobile. Il sistema, che ha ottenuto il primo premio in occasione del salone Techfor 2011, ha superato le prove sperimentali nella provincia di Venezia e potrà essere utilizzato nel prossimo futuro anche in altre province.

Nel corso del convegno è stata presentata anche la convenzione che i Vigili del Fuoco possono sottoscrivere con gli Enti interessati ad utilizzare il sistema di scambi immediato di dati (COOP2REACT). Tale applicazione utilizza il protocollo CAP, di cui è stato approvato con il DM 23 maggio 2011 il "profilo CAP Vigili del Fuoco".

  

     

Copyright 2009 Dipartimento dei Vigili del Fuoco -