Scuole Centrali Antincendi


Sei in: Home




Le Scuole Centrali Antincendi

Foto della Scuola Centrali Antincendi

Le Scuole Centrali Antincendi vennero edificate tra il 1940 ed il 1941, nel quadro della riorganizzazione dei servizi antincendi italiani, come struttura destinata a formare il personale del nascente Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco nella convinzione che proprio la formazione fosse il primo aspetto da curare con attenzione per garantire la realizzazione di un'organizzazione finalmente uniforme e moderna. Le Scuole furono inaugurate nell'agosto del 1941 dall'allora Primo Ministro Mussolini accompagnato dal Direttore Generale dei Servizi Antincendi Prefetto Alberto Giombini e dal primo Comandante delle Scuole Ing. Fortunato Cini.Tra il 1941 ed il 1943 vi si tennero diversi corsi tra cui quelli di aggiornamento per ufficiali e sottufficiali, motoristi navali, padroni di barca, armieri, radio operatori, specialisti cinofili, infermieri e via discorrendo. Gli eventi legati alla guerra in corso costrinsero il personale a smobilitare la struttura nell'autunno del 1943 dopo il caos causato dall'armistizio dell'8 Settembre. Nei mesi che seguirono le Scuole furono occupate prima da reparti della Wehrmacht germanica e successivamente dell'esercito degli Stati Uniti che ne fecero entrambi un ospedale militare per via della sua vicinanza con il fronte apertosi dopo lo sbarco di Anzio del Febbraio 1944. Le autorità militari alleate restituirono tardivamente gli stabili al governo italiano ed essi si trovavano in condizioni tali da richiedere una massiccia opera di ristrutturazione terminata solo nel 1949 quando le Scuole Centrali Antincendi ripresero le proprie attività. Da allora, e per decenni, esse hanno formato intere generazioni di Vigili del Fuoco rappresentando un sito di fondamentale importanza per il Corpo Nazionale nonché le naturali custodi delle sue tradizioni storiche. Oggi, come ieri, le Scuole Centrali Antincendi sono una delle principali strutture della Direzione Centrale per la Formazione del Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile. Periodicamente vi svolgono corsi di specializzazione, di aggiornamento e di formazione per il personale neoassunto in servizio. Nel 1941, a sancire l'importanza della struttura, sull'architrave esterno del porticato fu posta la scritta:«MICANTE, VELUT ORBIS TERRARUM LUX, MUSSOLINIANA MENTE, URBE IMPERATORIA DIGNISSIMAEORIUNTUR AEDES, UBI VIGILES ARTEM DISCENT, AD MAIUS FIRMAANDUM APTAM EORUM STUDIUM OPUSQUEPRO PATRIAE BONO ET VITA CIVIUM DIU INPENSUM; NOSCENT PRAESERTIM AUDENTIAM, ANIMUM, FIDEMQUE FASCIBUS INCONCUSSAM». In seguito ai noti cambiamenti che seguirono il secondo conflitto mondiale il testo fu ovviamente modificato come segue: «MICANTE, VELUT ORBIS TERRARUM LUX CLARO ITALO INGENIO, URBE HUMANISSIMA DIGNISSIMAE ORIUNTUR AEDES, UBI VIGILES ARTEM DISCENTE, AD MAIUS FIRMANDUM APTAM EORUM STUDIUM OPUSQUE PRO PATRIAE BONO ET VITA CIVIUM DIU IMPENSUM; NOSCENT PRAESERTIM AUDENTIAM, ANIMUM, SUMMAM IN ALIOS LIBERALITATEM» (I fabbricati, per la splendida intelligenza italica, sorgono adatti ad una città umanissima, brillante come la luce della terra, dove i vigili imparano l'arte, mantenendo al massimo la loro capacità, l'impegno ed il lavoro per il bene della patria e la vita dei cittadini per tutto il tempo; conoscono specialmente l'audacia, il coraggio ed un alta affidabilità per gli altri).

Con l'entrata in vigore della Legge 398/2001, a seguito del processo di riorganizzazione del Dipartimento dei Vigili del Fuoco, le Scuole Centrali Antincendi vengono scisse in 3 scuole distinte: l'Istituto Superiore Antincendi, il Centro Polifunzionale di Montelibretti, che diviene "Scuola di Formazione Operativa" e il complesso di Capannelle che diviene "Scuola per la Formazione di Base".

Con Decreto Ministeriale dell'8 Aprile 2011 il Ministro dell'Interno On. Roberto Maroni dispone che la "Scuola per la Formazione di Base", struttura dipendente dalla Direzione Centrale per la Formazione del Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile, riprenda il nome originario di "Scuole Centrali Antincendi".

La Scuola vede tra i suoi compiti più importanti quello di formare ed addestrare i Vigili del Fuoco neo assunti che, prima di essere inviati presso i Comandi Provinciali, devono effettuare un corso di formazione professionale della durata di 1 anno. Qui i futuri Vigili del Fuoco, oltre ad acquisire nozioni teoriche di base di fisica e di chimica, imparano a conoscere e ad utilizzare correttamente attrezzature e dispositivi di protezione individuale ed effettuano esercitazioni pratiche e simulazioni di interventi combinando l'utilizzo di mezzi ed attrezzature per imparare ad operare in sicurezza.

Il Complesso

Vista Panoramica della Scuola Centrali Antincendi

Il complesso, ideato nel 1939 ed inaugurato il 4 Agosto 1941 con il nome di "Scuole Centrali Antincendi" sorge a Roma al km 12.600 di Via Appia Nuova in località Capannelle e si estende per oltre 160.000 mq. Oltre ad essere la sede della Scuola per la Formazione di Base, è oggi anche sede della Direzione Centrale per la Formazione, e, nell'ambito della medesima Direzione, dell'Area Coordinamento e Sviluppo, dell'Area Pianificazione e Controllo, e dell'Area Formazione Motoria Professionale. È inoltre sede ufficiale della Banda del Corpo Nazionale Vigili e del C.A.S. (Centro Addestramento Sommozzatori).

Le Attività

La Scuola provvede:

  • all'attuazione di corsi di ingresso e di corsi professionali basici rivolti a tutto il personale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco
  • alla definizione delle modalità di svolgimento dei corsi, avvalendosi di docenti e formatori iscritti all'albo dei formatori
  • all'attuazione dei saggi e delle cerimonie di rappresentanza del C.N.VV.F. svolte presso la Scuola
  • all'organizzazione del Museo della Scuola e della Biblioteca storica
  • alla gestione dei servizi comuni di tutto il complesso.

Dal punto di vista logistico, la Scuola dispone di circa 1000 posti letto, in camere da 6 disposti su 3 palazzine alloggi. Le lezioni possono essere svolte in n. 20 aule didattiche da 40 posti, oltre ad un'aula informatica con circa 15 postazioni.

Informazioni sui corsi