Segui @emergenzavvf

Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco - Dipartimento dei Vigili del Fuoco del soccorso pubblico e della difesa civile

Sei in: Home > Notiziario > Notizia

pubblicato il 8 agosto 2017  

L'Italia colpita dai roghi - Aggiornamento al 07/08/2017

Alle ore 6.00 del 07 agosto, sono stati 1158 gli incendi di vegetazione, macchia mediterranea e boschi, che i vigili del fuoco hanno affrontato, nell’arco della giornata, sull’intero territorio nazionale.

Il maggior numero di roghi è stato registrato in Sicilia, dove ne sono scoppiati 318, seguita dal Lazio con 176, dalla Campania con 152, dalla Puglia (150) e dalla Calabria (135).

Le maggiori criticità sono state riscontrate nelle seguenti regioni:

In Emilia Romagna, in provincia di Forlì Cesena, a Roncofreddo, dove è stato necessario evacuare un centro anziani e alcune abitazioni. Le squadre di terra sono state supportate da personale dei comandi di Bologna, Rimini e Ravenna. Sul posto hanno operato un elicottero del reparto volo Bologna ed un canadair della flotta AIB nazionale. Le attività di spegnimento sono terminate nella tarda serata.

In Abruzzo, nel comune di Pratola Peligna (AQ), a causa degli incendi, è stata chiusa, per diverse ore, la linea ferroviaria che da Sulmona porta a Pescara, riaperta poi in serata. Le fiamme hanno raggiunto un deposito in disuso che conteneva bombole di gas GPL, alcune delle quali sono esplose.

In Calabria, a Rose, comune in provincia di Cosenza, sono state evacuate, in via precauzionale, 40 persone da abitazioni prossime al fronte di fuoco. Per supportare i vigili del fuoco sono intervenuti dei veivoli della flotta Antincendi Boschivi (AIB) nazionale. Alcune squadre hanno presidiato alcune abitazioni durante le ore notturne. Per gestire l’emergenza è stato attivato il CCS (Centro Coordinamento Soccorsi) presso la prefettura.

In Sicilia sono state particolarmente colpite le province di Catania, Enna, Messina e Palermo. In alcuni casi sono stati attivati i COC (Centri Operativi Comunali). Anche qui elicotteri e canadair hanno supportato il lavoro delle squadre. Nella notte sono rimasti attivi: l’incendio di Enna, contrada Bannata, di Piazza Armerina (EN) e di Campofiorito (PA). I vigili del fuoco sono rimasti a presidiare i centri abitati durante le ore notturne.

Nel Lazio sono state interessate tutte le province, in modo particolare quelle di Roma, Latina e Frosinone. Per affrontare l’emergenza hanno operato 225 vigili del fuoco e si sono alzati in volo 4 canadair e 1 elicottero.  In serata sono rimasti attivi 3 incendi in provincia di Frosinone a: Esperia, Veroli e Vico del Lazio e due in provincia di Latina (Norma e Sermoneta) e Roma (Capena e Subiaco)

  

     

Copyright 2009 Dipartimento dei Vigili del Fuoco -