Segui @emergenzavvf

Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco - Dipartimento dei Vigili del Fuoco del soccorso pubblico e della difesa civile

Sei in: Home > Notiziario > Notizia

pubblicato il 30 marzo 2010  

Cile: i Vigili del Fuoco installano un ospedale modulare nelle zone colpite dal sisma

...

Si è conclusa nella giornata del 26.03.2010 la missione in Cile di un gruppo di valutazione costituito da personale appartenente a diverse amministrazioni pubbliche e l'AMAF (Associazione con i Fatebenefratelli per i Malati Lontani), volto ad individuare il possibile sito d'installazione di un ospedale costituito da moduli shelter per le unità chirurgiche, di sterilizzazione , radiologia, e con moduli pneumatici le degenze, il triage, il pronto soccorso. 

L'ospedale in oggetto, prodotto da un' azienda italiana di Siena, rientra tra un ventaglio di offerte effettuate a favore del governo cileno dall'Italia e scaturisce da una donazione dell'ONLUS AFMAL- Monte dei Paschi di Siena per alleviare la criticità delle strutture ospedaliere danneggiate dal sisma. Al progetto d'installazione in Cile partecipano il Ministero degli Affari Esteri, il Dipartimento Nazionale della Protezione Civile e il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco.

Il progetto prevede l'invio in nave dei diversi moduli costituenti l'ospedale, al quale dovrà essere garantita un'area per la sua installazione che abbia caratteristiche tali, da assicurare la presenza della fornitura di servizi essenziali, necessari al suo funzionamento acqua, elettricità, dispersione acque reflue, gas medicali, senza dover procedere a soluzioni campali che sarebbe stato impegnativo trasportare dall'Italia.

Si è deciso quindi di costituire un gruppo di valutazione, che avesse come compito oltre quello di esporre nel dettaglio il progetto alle autorità cilene, anche quello di valutare in base alle proposte cilene, la localizzazione ottimale dell'ospedale da campo.

Il gruppo di valutazione guidato dall'Amm. Giovanni Vitaloni del DPC, con personale e funzionari appartenenti al DPC, funzionari del C.N.VV.F. e rappresentanti dell' AFMAL coadiuvati e supportati dalle strutture del MAE attraverso l'ambasciatore d'Italia in Cile dott. Vincenzo Palladino, ha svolto una serie d'incontri sia al Ministero della Salute , che con le autorità regionali della Sanità per stabilire gli obiettivi del progetto e per condividere le soluzioni proposte.

La località prescelta per l'installazione dell'ospedale è Talca, il capoluogo della regione del Maule, il cui ospedale è parzialmente inagibile, a livello regionale inoltre si registra l'indisponibilità di diversi presidi sanitari pubblici, che costringono la popolazione a spostarsi per le cure specialistiche mediche verso Santiago del Cile.

L'incontro tenutosi con il direttore regionale del Ministero della Salute dott. Felipe Puelma alla presenza del dott. Lamberto Moruzzi dell'ambasciata d'Italia, ha consentito di ridefinire il progetto di layout dell'ospedale da campo, in funzione dei reparti attualmente inagibili dell'ospedale disastrato, consentendo di realizzare una sorta di sinergia italo - cilena attraverso la realizzazione delle infrastrutture da parte dei cileni, che rendessero prontamente installabili i moduli in arrivo via nave dall'Italia.

Accanto al compito prevalente della missione, finalizzato all'installazione dell'ospedale da Campo, i funzionari del C.N.VV.F. hanno incontrato presso i locali dell'ambasciata italiana a Santiago del Cile alla presenza del Consigliere diplomatico dott. Stefano Catani, i rappresentanti delle sette compagnie dei Vigili del Fuoco di origine italiana, momento senza dubbio importante, per ribadire l'importanza attribuita dal Pref. Francesco Paolo Tronca all'accordo di fratellanza siglato nel 2004 tra il Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile del Ministero dell'Interno Italiano e la Confederazione delle Compagnie Italiane di Pompieri del Cile, soprattutto alla luce delle esigenze manifestatesi a seguito del recente terremoto.

Durante la riunione , sono stati esaminati inoltre gli effetti devastanti sul territorio causati dal successivo Tsunami, che ha colpito le coste cilene, ed in particolar modo Talcahuano. Al termine dell'incontro, è stato consegnato un crest del C.N.VV.F. al segretario della Confederazione Manuel Sanchez Achermann, segno di profonda stima e riconoscimento nei confronti dei colleghi volontari VV.F. di origine italiana, che operano nelle compagnie italiane dei pompieri.

  

     

Copyright 2009 Dipartimento dei Vigili del Fuoco -